giovedì 19 novembre 2015

Ad alcuni poeti moderni, di Pascal D'Angelo

 
Ad alcuni poeti moderni
 
I vostri nomi sono come giganti decapitati
che sanguinano di nero oblio:
siete le fragili voci
l'irriducibile ritmo di bellezza si contorce
sotto gli artigli delle vostre penne.
I vostri occhi sono candele gemelle
che bruciano fiamme di ardente desiderio
issate al sommo altare della Poesia.
Tutto quanto avete cercato di ottenere vi è sfuggito;
avete provato, ma il vostro giorno sta svanendo.
Eppure non addoloratevi.
Molto di ciò che affascina è un nulla che passa
di fronte alla grandezza dell'eternità.
È una minuscola ombra la terra
che barcolla sull'orlo della morte.
La luna è un palpito splendente
nel cuore della notte;
ed effimere son le stelle
nello sguardo lungimirante del Signore.
Dunque non addoloratevi
se le vostre poesie sono come la fredda
tenera erba di una breve estate.
Son pochi i veri fiori.

Pascal D'Angelo
Traduzione di Luigi Fontanella
 
 
poesie per sempre, per loro,
poetare di cose e di quanti,
versi liberi e prigionieri,
sillabe stanche e stantie...

Nessun commento:

Posta un commento