lunedì 9 novembre 2015

La carezza perduta, di Alfonsina Storni

La carezza perduta
 
Mi sfugge dalle dita la carezza senza motivo,
mi sfugge dalle dita. Nel vento, quando passa,
la carezza che vaga senza destino o meta,
la carezza perduta, chi la raccoglierà?
 
Stasera potrei amare con pietà infinita,
potrei amare il primo che incontrerò per strada.
Nessuno passa. Immoti, soli, i sentieri fioriti.
La carezza perduta qui attorno vagherà.
 
Viandante, se ti baciano sugli occhi questa notte,
se i rami son trascorsi da un docile sospirare,
se ti preme le dita una piccola mano,
che ti afferra e ti lascia, ti prende e se ne va,
 
se mano non vedrai, né la bocca che bacia,
ed è l'aria che tesse l'illusorio baciare,
oh viandante che come il cielo hai gli occhi
me confusa nel vento saprai rintracciare?

Alfonsina Storni
Traduzione di Silvio Raffo
da "La carezza perduta"
 
 
 
carezze solitarie e sogni,
amori impossibili, sfrenati,
racchiuso in una mano il segreto,
qualche volta ne esce e si spande...

Nessun commento:

Posta un commento