giovedì 7 aprile 2016

Insegnamenti, di Amalia Guglielminetti


Insegnamenti
 
Ma amore in schiavitù più non mi vuole.
Il despota gettò catena e sferza
e m'addottrina d'ilari parole.

– Quand'io v'incontro, – amabile egli scherza,
– la prima volta, molto vi torturo,
ma poco la seconda e men la terza.

L'antico male col recente io curo,
e il cuor v'agguerro sì che a poco a poco
possa affrontarmi, sempre più sicuro.

E poi ch'io osservo: – Assai perverso è il gioco, –
no, – ribatte – è saggezza salutare.
Quando il bimbo sentì l'ardor del fuoco,

molto di rado tornasi a bruciare.
 
Amalia Guglielminetti
da "Le seduzioni"
 
 
cose imparate, velocemente, in fretta,
scarsi approcci dettati dal vento,
poi il chiarore lontano, sfumato:
ebbrezze dimenticate riaffiorano,
eccomi a prora, sprezzante come i giovani...

Nessun commento:

Posta un commento