lunedì 4 aprile 2016

Un colpo di dadi non abolisce mai il caso, di Andreas Embirikos

“Un colpo di dadi non abolisce mai il caso”
 
No
 Non è “l’art pour l'art”
La superiore espressione dei poeti e degli uomini
 Né il realismo socialista, che è semplicemente politica
 Né il godimento delle classi privilegiate
 Non è questa la missione dei poeti
 Perché non è possibile
 Solo con la bellezza astratta
 O con quella convenzionalmente descrittiva
 O solo con il “mostra ciò che dovresti” o con l’“infatti”
Che siano sostituiti o soffocati gli slanci degli impulsi
 Giacché la parola non è logica
 Giacché la bellezza non è estetica
 E il buono non è etica
 Giacché “un coup de dés jamais n’abolira le hasard”
Giacché uno spermatozoo soltanto basta
 Per fecondare l’ovulo della donna o la parola
 Giacché soltanto l’amore vince la morte
 La poesia sarà spermatica
 Assolutamente erotica
 O non esisterà.


Andreas Embirikos
La liberazione dell'amore
Traduzione di Massimo Cazzulo
 
 
il caso volle,
volle con decisione e forza,
così me ne andai,
il taxi sembrava triste,
pure lui...

Nessun commento:

Posta un commento