venerdì 22 aprile 2016

Le nuvole, di Michail Lermontov

Le nuvole
 
 Nuvole celesti eternamente erranti!
 Sulla steppa azzurra come perle infilate,
 Dal caro nord verso il meridione
 Scorrete, come me, esiliate.

 
 Cosa vi spinge: Il volere del destino?
 Una segreta invidia? Un'ira manifesta?
 O vi opprime il peso di un delitto?
 O degli amici la venefica maldicenza?

 
 No, vi hanno annoiato gli aridi campi...
 A voi sono estranee passioni e pene;
 In eterno fredde e in eterno libere,
 Voi una patria e un esilio non avete.

 Michail Lermontov
La mia casa è sotto la volta celeste
Traduzione di Paolo Statuti
 
 
sulle nuvole, quante volte da ragazzo,
molto meno oggi e domani;
eppure la sensazione è forte, unica,
il respiro si allunga e si chiudono gli occhi...

Nessun commento:

Posta un commento