sabato 11 marzo 2017

Chi ti vuole, di Amalia Guglielminetti

Chi ti vuole
 
Come non so, ma quando più son piene
di grazia le mie ore e il cuor d'oblio,
di volerti, non so come, m'avviene.
 
T'aspetto, a un tratto, ed il tuo passo spio
con tremor d'ansia e con fervor di fede,
con la nuca già offerta al tuo desìo,
 
al bacio che si sente e non si vede,
l'insidïoso, quello che propaga
dalla nuca il sottil brivido al piede.
 
E m'avviene di volgermi con vaga
meraviglia e di chiedermi: – Non c'è?
E poi, mentre la prima ombra dilaga,
 
premere a forza i miei singhiozzi in me.
 
Amalia Guglielminetti
 
 
chi ci vuole a volte non ci piace,
siamo prede dell'anima, del sole;
non sempre si può fare, non sempre,
le ripide scale ti fanno fermare...
 

Nessun commento:

Posta un commento