domenica 23 aprile 2017

Idea fissa, di Arturo Graf


Idea fissa
 
Un chiaro, fisso, attonito pensiero,
Sempre confitto in mezzo della mente,
Come un chiodo d’acciajo aspro e lucente
Battuto a forza in un assito nero.
 
Un’immobile angoscia, un insistente
Dolor che tutti i di si fa piu fiero;
Non so qual vago orror pien di mistero,
Non so che oppression cupa e latente.
 
Sempre cosi; fulgido il sol risplenda
Che la vita del mondo ha in sua balia,
O la notte pel ciel tetra si stenda.

Sempre cosi; dovunque io vada, o stia,
Checche mediti, o faccia, o dica, o intenda;
Fin tra le braccia della donna mia.

Arturo Graf
 
  
già quando l'idea si fissa,
quando non cambia e non ascoltiamo;
a volte siamo distrutti dal desiderio,
spesso incediamo in lente volute...

Nessun commento:

Posta un commento