martedì 21 febbraio 2012

Tristezza

Tristezza, tu discendi oggi dal Sole.
La tua specie mutevole è la nube
del cielo, e son le spume
del mare gli orli del tuo lino lungo.

Sembri Ermione, sola come lei
che pel silenzio vienti incontro sola
traendo in guisa d'ala il bianco lembo.
Sì le somigli, ch'io m'ingannerei
se non vedessi ciocca di viola
su la sua gota umida ancor del nembo.
Ha tante rose in grembo
che la spina dell'ultima le punge
il mento e glie l'ingemma d'un granato.
Come fauno barbato
accosto accosto mòrdica le rose
il capricorno sordido e bisulco.

Gabriele D'Annunzio


diventa rabbia la tristezza
che ho dentro e mi morde,
si pone a riparo di un respiro
e mi mangia i pensieri;
fletto le linee dei percorsi,
muto stagioni e mattutini...

Nessun commento:

Posta un commento