giovedì 20 ottobre 2011

Esistere psichicamente

Da questa artificiosa terra-carne
esili acuminati sensi
e sussulti e silenzi,
da questa bava di vicende
soli che urtarono fili di ciglia
ariste appena sfrangiate pei colli
da questo lungo attimo
inghiottito da nevi, inghiottito dal vento,
da tutto questo che non fu
primavera non luglio non autunno
ma solo egro spiraglio
ma solo psiche,
da tutto questo che non è nulla
ed è tutto ciò ch'io sono:
tale la verità geme a se stessa,
si vuole pomo che gonfia ed infradicia.
Chiarore acido che tessi
i bruciori d'inferno
degli atomi e il conato
torbido d'alghe e vermi,
chiarore uovo
che nel morente muco fai parole
e amori.

Andrea Zanzotto

Harumy Aoyaghi

ora che anch'io fiato
apprendo triste la fine di un grande
che corollava parole su fogli
che assorbivano tratti
e rimandavano versi;
riposa poeta nell'aere
che avesti compagna di rime,
io, qui,
non posso che leggerti...

2 commenti:

  1. "Vorrei renderti visita

    nei tuoi regni longinqui

    o tu che sempre

    fida ritorno alla mia stanza

    dai cieli, luna,

    e, siccom'io, sai splendere

    unicamente dell'altrui speranza."

    Andrea Zanzotto

    ..Che la terra gli sia lieve.


    Buonanotte Gujil
    Sabrina

    RispondiElimina
  2. Buona giornata a te,

    amica, sapere che ci sei riscalda il mio cuore.

    Gujil

    RispondiElimina