venerdì 13 maggio 2016

Museo, di Henryk Ibsen

Nel Museo
.
Squisita creatura,
accanto al cavalletto
intenta essa sta
nel museo.

Ma a quale sorgente di bellezza
beve essa mai?
Ricopia
la Madonna del Murillo!

Con l'occhio smarrito
e lo sguardo lontano,
immagina
opere di bellezza.

Dopo diciotto anni,
ritorno
spinto dal ricordo
delle ore benedette della giovinezza

appassita:
davanti al cavalletto sta sempre
la stessa donna intenta
nel museo.

Ma che cosa è questo?
Sempre la stessa cosa?
La stessa copia graziosa
del Murillo?

Sì, la donna è sempre là;
guadagna penosamente la vita
copiando soggetti sacri,
e ricordi per turisti.

Così trascorsero
uniformemente i suoi anni.
Ha soffocati i rimpianti,
i suoi capelli sono incanutiti.

Con l'occhio smarrito
e lo sguardo lontano,
immagina sempre
opere di bellezza.
 
Henryk Ibsen
 
 
quanti visti, troppi sfiorati,
ho gli occhi pieni di cose,
pieni e convinti;
ora è stanchezza...

Nessun commento:

Posta un commento