venerdì 11 settembre 2015

Solitudine, se vivere..., di John Keats

Solitudine, se vivere devo con te
 
Solitudine, se vivere devo con te,
Sia almeno lontano dal mucchio confuso
Delle case buie; con me vieni in alto,
Dove la natura si svela, e la valle,
il fiorito pendio, la piena cristallina
Del fiume appaiono in miniatura;
Veglia con me, dove i rami fanno dimora,
E il cervo veloce, balzando, fuga
Dal calice del fiore l'ape selvaggia.
Qui sarei felice anche con te. Ma la dolce
Conversazione d'una mente innocente, quando le parole
Sono immagini di pensieri squisiti, è il piacere
Dell'animo mio. È quasi come un dio l'uomo
Quando con uno spirito affine abita in te.
 
John Keats
 
 
solo nel chiaroscuro del mattino,
aspetto albe sul divano e penso,
peno le urla del cuore,
le cose scomparse, quelle finite...

Nessun commento:

Posta un commento