mercoledì 8 giugno 2011

Arte poetica

Tu occhi di carta tu labbra di creta
tu dalla prima saliva malfatto
anima di strazio e ridicolo
di allori finti e gestri

tu di allarmi e rossori ;
tu di debole cervello
ladro di parole cieche u.
uomo da dimenticare

dichiara che il canto vero
è oltre il tuo sonno fondo .
e i vertici bianchi del mondo ;
per altre pupille avvenire.

Scrivi che i veri uomini amici
parlano oltre i tuoi giorni che presto:
saranno disfatti. E già li attendi.
E questo solo ancora è il tuo onore.

E voi parole mio odio e ribrezzo,
se non vi so liberare .
tra le mie mani ancora
non vi spezzate.

Franco Fortini
1948-1950


nel mezzo di sempre, adesso,
stringendo nei pugni la sabbia,
coprendo le voci con tono dimesso
soffocando nel petto la rabbia...
che? siamo poeti?
o cerchiamo gli approdi sicuri?
desuete parole, rime imprecise
per descrivere i sobbalzi del cuore;
è questa poesia?
o è sentirsi più soli?

4 commenti:

  1. la Poesia per me è sempre dichiarazione sommessa di una solitudine ( nella gioia e nel dolore)
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Anche a te Veronica,

    sono giorni per me un pò movimentati.

    Gujil

    RispondiElimina
  3. L'avevo intuito...
    magari un arcobaleno...

    RispondiElimina
  4. No,
    amica mia, solo rogne di pseudolavoro
    Ti invio capitolo nuovo.

    Ciao
    Gujil

    RispondiElimina