giovedì 23 giugno 2011

Il grano

Il grano nella sua biondezza antica,
ondante e secco, chiede mietitura,
ché in cima alla sua gracile statura
porge a ogni bimbo una rigonfia spiga.
Lo vagheggia la madre contadina
ritta nell'ombra corta d'un pagliaio:
quanto penare prima che il mugnaio
gliela riporti in morbida farina!
La cristiana alza gli occhi al sol feroce,
poi guarda i figli grondanti, il marito
gobbo nel solco e col suo nero dito
fa sopra il campo un gran segno di croce.

Giovanni Papini

Claude Monet, Une meule près de Giverny (Covone presso Giverny),
1886 olio su tela, Museo dell'Ermitage, San Pietroburgo
quando i gialli covoni si accumulano,
ai bordi dei campi di grano tagliati,
la ricerca dell'anima si torce
in lunghe giornate luminose e calde
dove respiri roventi ritmano
il canto del mondo...nel sole;
mi abbaglia la luce del giorno
che mai sembra finire e la notte
è un susseguirsi accecante di stelle,
si stempera la mia rabbia impotente nel blu...

Nessun commento:

Posta un commento