lunedì 26 settembre 2011

FELICITA'


La giovanezza cupida di pesi
porge spontanea al carico le spalle.
Non regge. Piange di malinconia.
Vagabondaggio, evasione, poesia,
cari prodigi sul tardi!
Sul tardi l'aria si affina
ed i passi si fanno leggeri.
Oggi è il meglio di ieri,
se non è ancora la felicità.
Assumeremo un giorno la bontà
del suo volto, vedremo alcuno sciogliere
come un fumo il suo inutile dolore.


Umberto Saba


consuetudini scialbe si affacciano
sul fare del giorno, nel mio caffè,
non sono pronto ad un oggi diverso,
ad un percorso stonato:
le frasi di rito le porto con me,
in quest'alba che stenta
ma con il cielo sereno...

Nessun commento:

Posta un commento