venerdì 16 settembre 2011

SOGNO E REALTA'

Com'è cieco colui che immagina
e progetta qualcosa
fino ai più realistici dettagli.
e quando non riesce a darne conto interamente
con misure superficiali e prove verbali,
crede che la sua idea
e la sua fantasia siano vanità!
Se invece riflettesse con sincerità,
si convincerebbe che la sua idea è reale
tanto quanto l'uccello in volo,
solo che non è ancora cristallizzata;
e capirà che l'idea è un segmento di conoscenza
ancora inesplicabile in cifre e parole,
poichè troppo alta e troppo vasta
per essere imprigionata
nel momento presente;
ancora troppo profondamente immersa
nello spirituale
per piegarsi al reale.

Kahil Gibran


ho scagliato un sasso nel buio
e non ne ho sentito il rumore cadere,
ho scelto di essere ancora, sempre,
librando le vaghe premesse nel nulla;
sognando rifletto il pensare
di desideri inespressi, segreti,
come un maglio il risveglio riluce
di albe usuali eppure possenti...

Nessun commento:

Posta un commento