sabato 24 settembre 2011

nel gradiente di sempre riscontra
la bella campata del ponte,
sul fiume tranquille le brume
cospargono il manto leggero sull'acqua;
nel suono di un canto ricordo
e il passeggio ritorna una corsa
nei brividi il bavero copre la gola
e nasconde un singhiozzo...

Paderno d'Adda, il Ponte sul fiume

Lasciami sanguinare

Lasciami sanguinare sulla strada
sulla polvere sull'antipolvere sull'erba,
il cuore palpitando nel suo ritmo feriale
maschere verdi sulle case i rami

di castagno, i freschi rami, due uccelli
il maschio e la femmina volati via,
la pupilla duole se tenta
di seguirne la fuga l'amore

per le solitudini aria acqua del Bràtica,
non soccorrermi quando nel muovere
il braccio riapro la ferita il liquido
liquoroso m'inorridisce la vista,

attendi paziente oltre la curva via
l'alzarsi del vento nel mezzogiorno, fingi
soltanto allora d'avermi udito chiamare,
entra nella mia visuale da un giorno

quieto di settembre, la tavola apparecchiata
i figli stanchi d'attendere, i figli
giovani col colore della gioventù
esaltato da una luce che quei rami inverdiscono.

Attilio Bertolucci

Nessun commento:

Posta un commento