lunedì 26 dicembre 2011

Gelo

Il giorno schietto
d'inverno inasprisce le carraie,
aguzza il taglio della pietra, sopra i poggi pelati
brucia i pochi fili d'erba.
Chi affastella legna, chi sciorina
panni s'affretta; sgretola la crosta
con le scarpe chiodate, con gli zoccoli,
spranga l'uscio di casa.
E' un tempo che fa bruschi i conciliaboli,
ruvide le parole ed i commiati.
...Antenne
e nervature d'alberi, di rovi
graffiano i venti del tramonto...

Mario Luzi


e quando il freddo è dentro?
quando perfino il cuore gela?
ci siamo mai chiesti
dove vada l'amore quando finisce?
ci siamo mai detti
parole che lasciano il segno?...

Nessun commento:

Posta un commento