lunedì 5 dicembre 2011

Il Cielo è di tutti

Qualcuno che la sa lunga
mi spieghi questo mistero:
il cielo è di tutti gli occhi
di ogni occhio è il cielo intero.

È mio, quando lo guardo.
È del vecchio, del bambino,
del re, dell'ortolano,
del poeta, dello spazzino.

Non c'è povero tanto povero
che non ne sia il padrone.
Il coniglio spaurito
ne ha quanto il leone.

Il cielo è di tutti gli occhi,
ed ogni occhio, se vuole,
si prende la luna intera,
le stelle comete, il sole.

Ogni occhio si prende ogni cosa
e non manca mai niente:
chi guarda il cielo per ultimo
non lo trova meno splendente.

Spiegatemi voi dunque,
in prosa od in versetti,
perché il cielo è uno solo
e la terra è tutta a pezzetti.

Gianni Rodari


minimali tracce si fondono
in uno strano percorrere strade
di gente che vaga nel mondo
senza meta apparente,
in contesti racchiusi mi pento
di decisioni intraprese,
poi riascolto la voce del vento
e penso è Dicembre, fa freddo
arriva la stagione del buio...

Nessun commento:

Posta un commento