giovedì 4 settembre 2014

Morte di una stagione, di Antonia Pozzi


Morte di una stagione


Piovve tutta la notte
sulle memorie dell'estate.
Al buio uscimmo
entro un tuonare lugubre di pietre,
fermi sull'argine reggemmo lanterne
a esplorare il pericolo dei ponti.
All'alba pallidi vedemmo le rondini
sui fili fradice immote
spiare cenni arcani di partenza
e le specchiavano sulla terra
le fontane dai volti disfatti.



Antonia Pozzi

 


  
flebili attimi, tra gocce,
sono istanti che restano, a volte;
nel chiaroscuro mattutino
pochi rumori,
ripenso all'estate, 
sento che passa...

Nessun commento:

Posta un commento