lunedì 22 settembre 2014

Parlammo sicuri tra belle acque..., di Susanna Rafart

Parlammo sicuri tra belle acque
bagnate da tamerici
e accordammo parole, quiete le nostre mani
– ricche in oro estorto –
e le fronti alte e assolate
dalle molte ore trascorse.
Dicevamo quello che non volevamo dire
e tacevamo le intenzioni amare;
immensamente gentili,
noi – i mortali, i non amati –
vegliavamo su rispettabili leggi umane.
Cosí, vedevamo cavalcare Ciro il nobile,
l’eletto, prudente sin dall’infanzia.
E noi, corruttibili e accecati dalla
bellezza del suo aspetto, muti
e silenziosi
dietro lo scudo di suo fratello Artaserse.
Traduzione di Francesco Ardolino

Susanna Rafart
Pozzo di neve
 
 
acque...,
come quelle che mi mancano,
che non frequento da tempo...

Nessun commento:

Posta un commento