venerdì 26 maggio 2017

Buenos Aires, di Jorge Luis Borges

Buenos Aires

Ti cercavo una volta nei confini
che toccano la sera e la pianura,
nel cancello che serba una frescura
antica di verbene e gelsomini.
Eri nella memoria di Palermo,
nella mitologia del suo passato
(mazzo di carte e pugnale) e nel bronzo
aureo dei vani battenti, adornati
tutti con mano e anello. Ti sentivo
nei cortili del Sud, nella crescente
ombra che va sfumando lentamente
il suo disegno, mentre muore il giorno.
Ora sei in me. Sei la mia vaga sorte,
sei le cose che estinguerà la morte.


Jorge Luis Borges
Le più belle poesie
traduzione di Francesco Tentori Montalto
 
 
 
le città mai viste, quelle desiderate,
in un sudamerica così nostro,
pieno di fazzoletti bianchi,
era l'onda di ieri...

Nessun commento:

Posta un commento