giovedì 18 maggio 2017

In riva al mare, di Arturo Graf

In riva al mare
 
Il sole in un raggiro
Di nuvoli s’e spento,
Un vapor grigio e lento
Intenebra l’empiro.
 
Livido, sonnolento,
Il mar si stende in giro;
Muore come un sospiro
Sull’onde pigro il vento.
 
Fra mare e ciel smarrito
Un bastimento anela
A sconosciuto porto.
 
Io guardo l’infinito
Spazio e la stanca vela,
E mi rincresce di non esser morto.
 
Arturo Graf
 
 
quando è calmo, presto la mattina,
piccole onde e battige deserte,
l'odore di salsedine, di alghe;
e il sole, sempre il sole...
 

Nessun commento:

Posta un commento