lunedì 29 maggio 2017

Un grido, di amalia Guglielminetti

Un grido

Fui per chiamarlo: – O mio fratello, vieni!
Non piangere per me quello ch'io piango
per altri. Lascia ch'io ti rassereni.
 
Ti tergerò le lacrime ed il fango
con mani indugïanti in puri gesti.
– Non t'amo, – ti dirò, ma: – ti compiango.
 
Lascia che dal tuo incubo ti desti,
per risvegliarmi io pure a poco a poco,
fin che in noi di dolore orma non resti.
 
Fui per dire: – Ed allor ci parrà un gioco
degno di riso questo mal vorace...
Ma in lui o in me non so che grido roco
 
negò: – Non voglio! Il mio soffrir mi piace!
 
Amalia Guglielminetti
 
 
grido ancora, nel buio, da solo,
qualche volta piango e mi dispero,
ogni tanto sorrido sereno;
sono ancora io...

Nessun commento:

Posta un commento