martedì 22 marzo 2011

c'è silenzio, come ogni mattina,
il ticchettio dell'orologio riflette il tempo,
come sempre indugio...tentenno;
le dinamiche evolvono continuamente
e le certezze si intercalano ai dubbi,
mi ripeto "è la vita!"
e non sono convinto...
quest'ora del mattino, così immota, silente,
è una pausa, un sospeso;
il primo clacson mi trova da sempre
conscio si, ma impreparato al reale...


PROMEMORIA

Ci sono cose da fare ogni giorno:
lavarsi, studiare, giocare,
preparare la tavola,
a mezzogiorno.

Ci sono cose da fare di notte:
chiudere gli occhi, dormire,
avere sogni da sognare,
orecchie per non sentire.

Ci sono cose da non fare mai,
né di giorno né di notte,
né per mare né per terra:
per esempio, la guerra.

Gianni Rodari

Nessun commento:

Posta un commento