martedì 29 marzo 2011

Giardini

O piccoli giardini addormentati
in un sonno di pace e di dolcezze,
o piccoli custodi rassegnati
di sussurri, di baci e di carezze;

o ritrovi di sogni immacolati,
di desideri puri e di tristezze
infinite, o giardini ove gli alati
cantori sanno di notturne ebbrezze,

o quanto v'amo! I sogni che rinserra
il mio core, fioriscono, o giardini,
lungo i viali, ne le vostre aiuole.

Io v'amo, io v'amo, o fecondati al sole
di primavera in languidi mattini,
o giardini, sorrisi de la terra!

Sergio Corazzini




i giardini di Marzo...
è vero, si sono vestiti di colori nuovi,
il verde sta nascendo e crescendo,
tra il velluto delle viole
e il giallo sole del ranuncolo selvatico...
tutto fa presagire positività
eppure, l'anima, non è ancora sicura,
il potente richiamo del freddo passato
ancora invita ad intimi tepori,
a camini accesi,
ad abbracci suadenti...

Nessun commento:

Posta un commento