domenica 13 marzo 2016

L'anello, di Veselin Simeonov Hancev

 
 L'anello
 
Perché tu sei venuta piano, e un'eco
 di tuono è la tua presenza in me,
 per quel che hai dato e non hai avuto,
 per un perdono di essere con te, e di non esserci,
 per le parole che spesso ho taciuto,
 per le carezze che tu non hai risparmiato,
 per la forza che hai infuso in me,
 quando tu stessa eri la più debole,
 per il fatto che in nome mio fu battezzata
 ogni tua cattiva, ogni tua buona ora,
 sul tuo piccolo dito, invece di un anello
 imprimo il mio bacio ardente. 

 Veselin Simeonov Hancev
 Traduzione di Valeria Salvini
 

prendi l'anel ti dono...,
cominciava così, ricordo,
un tempo era tutto,
ora si riprova,
riparto da me...

Nessun commento:

Posta un commento