mercoledì 6 aprile 2011

Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei
come una casta stella del cielo
in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo
come si saggia un bimbo con lo sguardo,
mi hai detto poi, con gentilezza:
ti voglio bene, perché sei tanto triste.

Herman Hesse

avete mai chiuso gli occhi
ed ascoltato la musica?
la musica...
una costante della mia vita...
da sempre...
con scaffali pieni di dischi,
austeri mostri classici
e introvabili autori minori...
il mio cuore ha ancora posto per lei
che entra sconvolge, sconquassa,
placa, lenisce...infuria...
al bisogno è qui, con me, in me...
 "E il naufragar m'è dolce in questo mare..."

Nessun commento:

Posta un commento