martedì 26 aprile 2011

Tutte le lettere d'amore

Tutte le lettere d’amore sono
ridicole.
Non sarebbero lettere d’amore se non fossero
ridicole.

Anch’io ho scritto ai miei tempi lettere d’amore,
come le altre,
ridicole.

Le lettere d’amore, se c’è l’amore,
devono essere
ridicole.

Ma dopotutto
solo coloro che non hanno mai scritto
lettere d’amore
sono
ridicoli.

Magari fosse ancora il tempo in cui scrivevo
senza accorgermene
lettere d’amore
ridicole.

La verità è che oggi
sono i miei ricordi
di quelle lettere
a essere ridicoli.

(Tutte le parole sdrucciole,
come tutti i sentimenti sdruccioli,
sono naturalmente
ridicole).

Fernando Pessoa



è vero, rileggendo alcune cose scritte
a volte le si sente ridicole, inutili,
però altre volte sono importanti, potenti,
perchè gridano al cielo ciò che siamo,
fosse anche solo in quel momento,
non importa per quanto...
ridicola è la rabbia dell'isolamento,
quella fatta di pensieri solitari e infiniti;
ridicole sono le frasi fatte e sputate,
le sentenze e gli appelli per apparire vivi;
ridicolo sono io quando ci provo davvero
e sorrido nei momenti sbagliati,
non colgo "al volo" il senso
e mi siedo perchè non sò ballare...

4 commenti:

  1. Io sono stata addirittura un clown...e ciò che di quelle lettere mi resta è la sensazione di aver sfilato le mie perle per darle ai porci.
    Sono una donna ridicola... e sono fiera d'esserlo.
    In quanto al ballo...ognuno di noi, dentro se stesso ha un danzatore,e se non esce è perché si ha timore che gli altri colgano quella danza in modo errato...o di scoprirsi fino in fondo.
    La mia danzatrice ora sta ferma.
    Buona giornata Gugil

    Bellissimo il design del tuo Blog. Una ragnatela d'acqua.

    RispondiElimina
  2. è vero, hai ragione, in quello che dici c'è la sintesi di un vissuto. Penso spesso a ciò che mi scrivi e che scrivi, ho preso spunto dal tuo blog ed ho postato su zone d'ombra la versione orchestrale del pezo di Debussy che hai scelto.
    In quanto al ballo il mio ballerino si agita freneticamente è che nessuno lo vede!

    Grazie dell'apprezzamento per il blog, è una foto mattutina di un laborioso ragno e di una fresca rugiada.

    Gujil

    RispondiElimina
  3. Ieri pomeriggio assieme ad alcuni amici, ho letto alcune lettere d'amore e di addio alla vita, scritte dai nostri 'bocia' condannati a morte. Morti per la Patria . La lettura è avvenuta presso una struttura casa_albergo, una casa di riposo della mia zona. Quelle care persone la guerra l'hanno vissuta sulla pelle e sotto pelle. Quanta emozione per me che leggevo e per loro che ascoltavano. Rivedo i loro occhi lucidi dalla commozione e le loro mani si contorcevano alla ricerca di chissà quali carezze, dolcezze o forse volti di persone amate.
    Lettere meravigliose, di una semplicità unica. Oh quanto amore in quel semplice 'ti voglio bene' rivolto alla mamma, al papà ai fratelli...alla morosa, alla patria! Forse non c'entra nulla con quello che avete commentato e scritto ma volevo condividere con voi perchè quelle lettere io le sento ancora nel cuore nella testa e nella pancia!!
    Buona settimana!
    Sabrina

    RispondiElimina
  4. Grazie Sabrina,

    grazie per averci ricordato una cosa così importante. Ieri sono stato ad una piccola manifestazione in un piccolo paese; è importante tenere la memoria e leggere le lettere che tu hai letto è sivuramente il miglior modo per ricordare e fa bene alla pelle e al cuore.

    Gujil

    RispondiElimina