domenica 24 aprile 2011

ricordo una Pasqua in paese,
una di quelle piene di rintocchi
e a cornice l'odore buono dell'erba,
ricordo mia nonna sveglia da sempre
a pettinarsi per andare alla Messa;
il sole, il sereno, l'azzurro,
i risolini dei bimbi felici,
l'atmosfera di un giorno sereno
e le rondini in cielo festose...


Dall'uovo di Pasqua

Dall'uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: "Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio".
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
"Viva la pace,
abbasso la guerra".

Gianni Rodari

3 commenti:

  1. Tanti auguri di una serena e piacevole Pasqua,
    buona continuazione!

    Ciao Gujil

    Un gioioso augurio a Veronica che leggo con immenso piacere!

    Sabrina

    RispondiElimina
  2. Finalmente ti risento!
    Mi sei mancata e ricambio di cuore.
    Mi piace leggerti...molto...

    Gujil

    RispondiElimina
  3. Grazie, sei troppo generoso!
    Sento che sei una persona molto gentile e che sei anche
    tante altre cose belle. :))
    Grazie a te invece per le parole e poesie che ci regali tra le maglie di questo intreccio di gocce di rugiada... limpida e cristallina.

    Buona settimana Gujil.
    Sabrina

    RispondiElimina