mercoledì 18 maggio 2011

TU NON SAI

Tu non sai: ci sono betulle che di notte levano
le loro radici, e tu non crederesti mai che di notte gli alberi
camminano o diventano sogni.

Pensa che in un albero c'è un violino d'amore.
Pensa che un albero canta e ride.
Pensa che un albero sta in un crepaccio e poi diventa
vita.

Te l'ho già detto: i poeti non si redimono, vanno
lasciati volare tra gli alberi come usignoli pronti a
morire.

Alda Merini


nuvole bigie passano lente,
le vedo dalla mia finestra, c'è vento
a stormire le foglie del noce
eppure prevale il silenzio...
anch'io non so,
vorrei ma non riesco...
l'afrore di pioggia è nell'aria

3 commenti:

  1. Posso sentire la voce degli alberi. Nessuno mi crede... I pazzi sono gli altri...

    RispondiElimina
  2. ssshh...senza fare rumore affino i miei sensi e lo stormire diventa parola, bisbiglio indistinto e frugale mi annuncia un mio temporale.
    Io agli alberi parlo.

    Gujil

    RispondiElimina
  3. anch'io. Nel crepitio delle foglie dietro di noi, serbano le tracce del nostro passaggio...

    RispondiElimina