giovedì 17 novembre 2016

Ultimo canto nuziale, di Cintio Vitier

Ultimo canto nuziale

Ma se infine vieni, spoglia
dei tuoi fiori nuziali, nell’ora
in cui tutto il mondo si disfiora
e lo sguardo di cenere si copre;

se allora, con la bocca gelata
dal tramonto postumo che divora
ogni illusione e fatalmente incorona,
se mi dici all’orecchio: sono il nulla,

ti dirò grazie di lasciarti vedere
e abbracciarti nuda, d’essere mia
seppure nell’istante che ti perdo;

e dormirò nel letto che il mio cuore
ha fatto, sognando che la morte
è il tuo ultimo velo, poesia.

 
Cintio Vitier
La sposa poesia
Traduzione di Nicola Licciardello
 
 
e convolammo insieme,
felicità raggiunta? soddisfazione?
ora si vive nel mondo, per mano,
semplicemente per mano...

Nessun commento:

Posta un commento