mercoledì 7 marzo 2012

DALL'INVERNO ALLA PRIMAVERA

Quando l'inverno muore lentamente nella primavera,
nelle sere di quei bei giorni limpidi, lieti, senza vento,
su cui si tengono spalancate per le prime volte le finestre
e si portano sulle terrazze i vasi dei fiori,
le città offrono uno spettacolo gentile e pieno d'allegrezza e di poesia.
A passeggiare per le vie si sente, di tratto in tratto, sul viso,
un'ondata d'aria tiepida, odorosa.
Di che? di quali fiori? di quali erbe? Chi lo sa!

Edmondo De Amicis


nell'incavo della mano
ho raccolto la pioggia,
ho solcato le rughe,
le grinze dei volti a me cari;
come spiego al mio cuore
la cocente presa visione?

Nessun commento:

Posta un commento