martedì 6 marzo 2012

LE SEI CORDE

La chitarra
fa piangere i sogni.
Il singhiozzo delle anime
sperdute
sfugge dalla sua bocca
rotonda.
E come la tarantola,
tesse una grande stella
per irretire sospiri,
che fluttuano nella sua nera
cisterna di legno.

Federico Garcia Lorca


le mie chitarre dormono
ormai da tempo stanno
in custodie scarne
ad aspettare nuove dita;
è un sonno leggero che agita
le loro note nascoste
chissà se ancora
suoneranno un giorno
e per chi... 

2 commenti:

  1. se fossi in te toglierei polvere a quelle custodie e a quelle corde dimenticate.... non senti che respirano...? Non abbandonarle, finiranno per piangere...suonare da sole...
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Veronica,

    while my guitar gently weeps...domani sul blog.
    Grazie per il suggerimento e un abbraccio.

    Gujil

    RispondiElimina