giovedì 29 marzo 2012

XXIII

«Cullo una solitudine mortale
nel mortale mattino, che da sempre... »
Il verso dell'amico si era imposto
da qualche giorno. Il fiume, come un olio
lucido e calmo nello stanco agosto...
Forse mia madre era perduta. Solo
lucido e calmo mi era intorno, specchio
a quello specchio nell'ampio silenzio,
quegli che poi doveva il mio silenzio
- già triste come di un lontano assenzio -
rompere con tanto mio consenso...
(Il suo odore, la sera, come un cane
sporco e fedele dopo le campane).
Notte d'inverno, la tua dolce boria
fa lontana, fa buffa questa storia.

Sandro Penna
Una strana gioia di vivere


conto le innumerevoli storie
che passano e sfiorano me,
in uno stato di confusione totale
mi illudo di illuminarmi ancora;
rivivo le estatiche gesta
di un eroe fanciullo e solo
che cantava la pioggia nel sole...

Nessun commento:

Posta un commento