domenica 18 marzo 2012

Fissità

Da me a quell'ombra in bilico tra fiume e mare
solo una striscia di esistenza
in controluce dalla foce.
Quell'uomo.
Rammenda reti, ritinteggia uno scafo.
Cose che io non so fare. Nominarle appena.
Da me a lui nient'altro: una fissità.
Ogni eccedenza andata altrove. O spenta.

Vittorio Sereni



risapute ombre si affacciano
alle soglie delle cose più vane
nel percorrere fantasiosi riscontri
riperdo il contesto e mi fermo;
il pensare si pesa alle voglie
che irrorano ancora il mio volto...

Nessun commento:

Posta un commento