martedì 19 luglio 2011

Scritto con inchiostro verde

L'inchiostro verde crea giardini, selve, prati,
fogliami dove cantano le lettere,
parole che son alberi,
frasi che son verdi costellazioni.

Lascia che le parole mie scendano e ti ricoprano
come una pioggia di foglie su un campo di neve,
come la statua l'edera,
come l'inchiostro questo foglio.
Braccia, cintura, collo, seno,
la fronte pura come il mare,
la nuca di bosco in autunno,
i denti che mordono un filo d'erba.

Segni verdi costellano il tuo corpo
come il corpo dell'albero le gemme.
Non t'importi di tante piccole cicatrici luminose:
guarda il cielo e il suo verde tatuaggio di stelle.

Octavio Paz


il verde, in tutte le sfumature possibili,
è sempre stato il mio colore preferito;
verde è la speranza che ci serve,
verde è l'erba vitale dei prati,
verde è la foglia carica di pioggia
e la chioma del bosco baciata dal sole...
è verde anche la rabbia, quella cupa,
quella che accompagna il risentimento,
verde può essere la goccia di mare,
tranquillo e celato in cale nascoste... 

Nessun commento:

Posta un commento