lunedì 25 luglio 2011

SENZA PIU' PESO

Per un Iddio che rida come un bimbo,
Tanti gridi di passeri,
Tante danze nei rami,

Un'anima si fa senza più peso,
I prati hanno una tale tenerezza,
Tale pudore negli occhi rivive,

Le mani come foglie
S'incantano nell'aria...

Chi teme più, chi giudica?

Giuseppe Ungaretti


nascosto in un angolo in ombra
ascolto una musica antica
nel silenzio di nuvolaglie assiepate
strane presenze in questro Luglio
con poco sole e quasi freddo;
uno sprazzo di rosa mi dice
più di mille parole...
nel cerchio ristretto del mio agire
spiraglia un sospiro...

Nessun commento:

Posta un commento