martedì 22 novembre 2011

Colloquio sentimentale


Nel vecchio parco gelido e deserto
sono appena passate due forme.

Hanno occhi morti, e labbra molli,
e le loro parole si odono a stento.

Nel vecchio parco gelido e deserto
due spettri hanno evocato il passato.

- Ricordi la nostra estasi d'allora?
- E perché vuoi che la ricordi?

- Batte ancora il tuo cuore solo a udire il mio nome?
Ancora vedi in sogno la mia anima? - No.

- Ah, i bei giorni d'indicibile felicità
quando univamo le nostre bocche! - Può darsi.

- Com'era azzurro il cielo, e grande la speranza!
- Vinta, fuggì la speranza, nel cielo nero.

Andavano così tra l'avena selvatica,
e le loro parole le udì solo la notte.


Paul Verlaine
feste galanti



aspettative deluse
riflettono pallide sagome
su bordi di improbabili pozze
mentre intorno è arrancare di visi
che nebbie autunnali confondono
a viali alberati scheletrici;
rami spogli rammentano
la stagione del freddo
io vedo ma ancora non guardo
in un lieve indeciso
scivolo cauto...

Nessun commento:

Posta un commento