domenica 13 novembre 2011

Soldati

Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie.

Giuseppe Ungaretti


poi infine si cade,
si svolazza per quel poco
che il vento ci dà
e poi si cade;
in una pozza fangosa
o su un asfalto corroso,
su di un madido prato
o sulla riva sassosa;
si cade e si scivola in nulla
per dare substrato alla vita
mentre un fiore resiste
ed il freddo si insinua...

Nessun commento:

Posta un commento