lunedì 22 agosto 2011

A..

Se io avessi una bella forma d'uomo,
allora i miei sospiri entro l'avorio
di codesta conchiglia, il tuo orecchio,
saprebbero echeggiare e il tuo gentile
cuore trovare senza indugio; armato
troppo bene sarei dalla passione
per questa impresa. Ahimè, ma cavaliere
di cui muoia il nemico non son io,
sul petto prominente non mi brilla
corazza alcuna; né un pastor di valle
sono, felice, che per gli occhi d'una
fanciulla gli tremarono le labbra.

Pure bisogna ch'io per te vaneggi,
dolce chiamarti, delle rose d'Ibla
più dolce assai che sentono di miele
quando le impregna una rugiada ricca
tanto che inebria. Ah sì, quella rugiada
gustare voglio, quella mi bisogna,
e quando il viso pallido disvela
la luna voglio andarne raccogliendo
qualche po' con incanti e con malie.

John Keats


inebriato da mille pensieri mi adagio
in questa canicola carica di umidi umori
e rifletto negli occhi un'immagine sola
che occupa spazi infiniti e lontani;
non serve nessuna inferenza,
si trascina nei passi la via da seguire...

4 commenti:

  1. una volta
    in una ciprea
    ho ascoltato il respiro dell'Oceano!

    RispondiElimina
  2. finchè il vento non vi separi...

    Gujil

    RispondiElimina
  3. ????????????????????????????????
    non parlarmi del vento please...!

    RispondiElimina