giovedì 11 agosto 2011

Sogno a occhi aperti

Io sogno a occhi aperti
e, che sia notte o giorno,
sogno incessantemente.
E sopra le sconvolte
schiume dell’ampio mare,
in mezzo alle increspate
arene del deserto,
lietamente montato
sul collo sottomesso
di un possente leone,
monarca del mio petto,
vedo sempre fluttuare
un bimbo che mi chiama.

José Martì


Ivan (Ivano Montagnani), Bimbo ala finestra

quando il sogno non basta, quando è dura,
ecco la fantasia prorompere, imperare..
e allora vago nei posti che voglio,
respiro i profumi che adoro;
anche in me il bimbo è grande
e una volta qualcuno mi disse
di no stare sul ciglio della strada,
di non stare in disparte
e così credo di aver fatto...

Nessun commento:

Posta un commento