domenica 14 agosto 2011

Piovete, o baci

Piovete, baci, dolorosi, ardenti.
Dolci, solenni, disperati e santi,
Sugli infelici da la vita affranti,
Sui martiri, sui prodi e sui sapienti.

Piovete sopra i pargoli innocenti,
Sulle mani dei vecchi vacillanti,
Sopra la bocca de le donne amanti,
Sopra la fronte bianca dei morenti.

Piovete sulle teste umili e care
E sui grandi dolor senza parola,
Piovete su le culle e su le bare.

Piovete, baci, onnipotente arcana
Melodia che accompagna e che consola
Il pianto eterno della razza umana.

Edmondo De Amicis


Gustav Klimt (1907), il bacio, Vienna, Österreichische Museum

colsi, nel senso del vento, un sospiro
come fosse distante lasciai che scemasse,
ora è un rivolo quasi riarso quel bacio
 eppure...
là dove il dolore non soffre,
là dove la polla è ancor viva,
ritrovai le mie vuote parole e le usai,
come fossero un solido ponte sospeso
a scavalcare i tormenti dell'animo...
ora, che ancora vacillo
mi aggrappo ad un esile giunco
e fletto nel poderoso maestrale...

1 commento:

  1. Veronica,

    non trovavo la password e non avevo accesso all'email.
    Ora ho rimediato, scusami per il ritardo con cui ti ho risposto.

    Gujil

    RispondiElimina